Integratori alle erbe, la botanica della salute

0

L’utilizzo di erbe naturali a fini curativi è una pratica che risale fin da epoche antiche, quando i progressi della medicina e della farmacia erano meno sviluppati rispetto a quelli odierni. Nonostante la modernità, aiutare il proprio organismo assumendo integratori alle erbe è una metodologia che si è conservata nel tempo, fino ai giorni nostri.

La botanica della salute e le piante officinali

Gli integratori alle erbe rappresentano davvero la botanica della salute in quanto derivano direttamente dalle piante definite officinali, alle quali sono state riconosciute determinate proprietà curative. Solitamente è più facile trovarle spontaneamente nei prati o nei boschi, mentre più difficile è la coltivazione in giardini o in vivai.
Tutti i principali esponenti della storia, della scienza e della medicina, da Aristotele a Paracelso, dagli antichi cinesi agli egiziani, dagli abitanti della Mesopotamia ai greci, si sono interessati all’argomento e ciascuno ha saputo fornire un apporto conoscitivo all’argomento.

Prima di proseguire vogliamo indicarti la linea prodotti Aboca basata sulle erbe medicinali.

Le erbe e le loro proprietà

Le erbe medicinali che principalmente si inseriscono nella composizione di un integratore naturale presentano diverse proprietà che possono favorire la cura e la prevenzione di malattie, aiutando il corpo umano a sopperire ad eventuali carenze alimentari oppure ad agevolare l’espulsione di tossine negative per l’organismo. Ecco alcuni esempi di erbe solitamente presenti in molti integratori naturali.

  • – Menta: conosciuta in varie specie, spesso a crescita spontanea è famosa per il suo profumo fresco e pungente. Le sue foglie contengono diversi amminoacidi, vitamine A, B, C, importanti minerali (Calcio, Magnesio, Zinco, Ferro, Potassio, ecc), fibre e proteine. Nonostante tutto ciò, l’85% è composta da acqua. Le principali proprietà sono stimolanti e analgesiche, utile quindi per combattere depressioni ed emicrania. Inoltre un integratore alle erbe alla menta è in grado di favorire la digestione post pasto.
  • – Ortica: è una pianta officinale le cui proprietà curative sono riconosciute. Principalmente favorisce la cura di riniti, artriti e reumatismi. Gli integratori alle erbe a base di ortica si presentano molto ricchi di proteine, soprattutto se contengono foglie essiccate e riescono a ridurre la glicemia nei soggetti con diabete. Elevato anche il contenuto di minerali i quali integrano l’apporto della normale alimentazione quotidiana, servendo anche come ricostituente naturale. Buone anche le proprietà che, grazie agli integratori alle erbe contenenti ortica, agiscono sul sistema intestinale e sull’intero organismo (presenza di antiossidanti).
  • – Finocchio: un integratore di erbe contenente finocchio o semi di finocchio, aiuta il processo digestivo e favorisce la regolare azione dell’intestino. Le proprietà rilassanti del finocchio distendono la muscolatura di questi organi, alleviando il senso di gonfiore e favorendo l’espulsione di liquidi in eccesso, espellendo le tossine. Utile anche nelle funzionalità di reni, fegato e milza.

Integratori alle erbe miste: vantaggi e benefici

Difficilmente si trovano sul mercato integratori alle erbe composti da una sola specie, ma è più facile trovare prodotti composti da una miscela selezionata. I vantaggi sono diversi, primo fra tutti la possibilità di beneficiare delle proprietà di diverse tipologie erbacee, fornendo al proprio organismo un apporto più completo. Questo genere di integratori sono molto utili in fase di prevenzione. Diversamente, per contrastare la presenza di un problema, è meglio optare per integratori alle erbe più indicati per la specifica fattispecie, solitamente caratterizzati dalla presenza in dose più massiccia di una o più erbe con proprietà simili.

  • – Problemi di digestione: chi presenta difficoltà digestive può trovare valido aiuto in integratori alle erbe contenenti finocchio, liquirizia, limone, menta, camomilla, rosmarino, coriandolo, curcuma, cumino, semi di lino, melissa e in genere le erbe amare (ad esempio le classiche utilizzate per produrre i liquori digestivi). Integrare l’apporto giornaliero di sostanze con integratori composti da miscele di erbe di chiara propensione digestiva, intensifica la lipasi pancreatica favorendo la digestione dei grassi.
  • – Problemi intestinali: i problemi intestinali possono portare a dissenteria o al contrario a stitichezza. Gli integratori alle erbe miste possono svolgere un’azione coadiuvante alla risoluzione delle tipiche problematiche legate proprio all’apparato intestinale. Nello specifico sono da preferire integratori contenenti la radice di liquirizia che agisce contro la stipsi, le foglie di senna che favoriscono la peristalsi e quindi la pulizia dell’intestino crasso, la frangola, utile in caso di ragadi e problemi gravi di stitichezza. Altre erbe utili a conferire equilibrio all’intestino sono il finocchio, l’eucalipto e il timo.
  • – Stati infiammatori: le infiammazioni possono venire alleviate con erbe quali camomilla, tiglio, malva, aloe, curcuma, aglio, zenzero, the verde, cardamomo, sedano. Esistono integratori che racchiudono molti di questi elementi in grado di ridurre e processi infiammatori nell’organismo.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.